Browsing Tag

spezie

primi

Zuppa dai sapori indiani

Settembre 25, 2019

Devo ammettere che il freddo non si è ancora visto (parlo piano prima che mi senta) ma non ho resistito alla preparazione di una zuppa. È davvero troppo tempo che non mi metto ai fornelli per vellutate o simili. Settimana scorsa mia cugina mi ha dato l’okra del suo giardino. Voi la conoscete? È una pianta originaria dell’Africa tropicale e coltivata nei paesi caldi e negli ultimi anni cresce anche qui. Ha interessanti proprietà nutritive e nutraceutiche. I suoi semi sono fonte di lipidi e proteine. Possiede tante fibre e pochissime calorie.
È spesso utilizzata nella cucina indiana e io oggi ho voluto riproporre una zuppa dai profumi asiatici.
L’ho cotta nella pentola in coccio per più di un’ora. Il giorno dopo? Era ancora più buona

Ingredienti:
200 gr di okra
1 cipolla
1 melanzana
2 zucchine
2 patate bollite
zenzero fresco qb
1 barattolo di pelati
200 ml di latte di cocco
aglio 2 spicchi
peperoncino qb
semi di senape (facoltativo)
cumino, curry, paprica qb
acqua 1 bicchiere circa


Iniziate facendo un soffritto con la cipolla, i 2 spicchi d’aglio, lo zenzero fresco tagliato finemente (la quantità è a piacere) il peperoncino e un filo d’olio.
Tagliando a rondelle l’okra e unitela alla cipolla. A questo punto aggiungete la melanzana e le zucchine tagliate. Fate cuocere per almeno 10 minuti. A questo punto unite le 2 patate precedentemente bollite e tagliate grossolanamente. Aggiungete la confezione di pelati, l’acqua e le varie spezie. Lasciate cuocere la minestra a fuoco dolce per almeno 1 ora. A metà cottura aggiungete il latte di cocco.
A mio parere le zuppe più cuociono e più sono buone. Servire bollentissima 🙂



dolce

Pane dei morti

Novembre 17, 2015

Con qualche settimana di ritardo vi propongo il “Pane dei morti”, biscotti tradizionali, sempre una certezza di bontà!

L’aspetto effettivamente non è dei più invitanti, ma le vostre papille gustative non la smetteranno più di farvi i complimenti: una garanzia!
Chi ama tutti i dolci e soprattutto i gusti della frutta secca e delle spezie ne sarà entusiasta (chiedete a mia zia Giovi…li ho appena fatti per lei che ne va matta!).
Vi assicuro che la preparazione è molto semplice. Il passaggio più “lungo” è pesare e tritare gli ingredienti (che sono parecchi). Poi è sufficiente unirli nella ciotola di una planetaria, se l’avete, oppure in un contenitore capiente e impastare il tutto.

In questo periodo dell’anno li si trova spesso in vendita nei supermercati ma se fatti in casa daranno molta più soddisfazione al vostro palato, per non parlare del profumino una volta sfornati: vi ringrazierà tutto il condominio!!
Bè ancora più appagante è bussare alla porta di chi è un po’ giù di morale (visto le ricorrenze di inizio mese): una bella scatola piena di queste delizie, un the caldo, sorrisi e chiacchiere tra amici. Credetemi, un toccasana per lo stomaco e per l’anima!

Tutti pronti?? Non vi resta che iniziare!

Ingredienti per circa 25 biscotti:
Uova 6 albumi
Cannella in polvere 1 cucchiaio
Chiodi di garofano 2/3 schiacciati (dipende quanto vi piacciono)
Noce moscata una spolverata
Fichi secchi 120 gr
Vino santo (o altro vino liquoroso. Io non l’avevo in casa ed ho usato il Marsala) 100 ml
Biscotti secchi 100 g
Amaretti 100 g
Farina tipo 00 250 g
Mandorle 120 g
Zucchero 300 g
Cacao in polvere 50 g
Uvetta 120 g
Lievito chimico in polvere 10 g
Savoiardi 300 g

Iniziate mettendo in ammollo le uvette in una tazza piena d’acqua (io ho aggiunto anche un po’ di Amaretto di Saronno che mi piace) quindi ponete nella tazza di un mixer e tritate finemente: i biscotti secchi, gli amaretti, i savoiardi, le mandorle e infine i fichi secchi. Trasferite i composti tritati in una terrina capiente oppure nella ciotola della planetaria.
Aggiungete lo zucchero semolato, la farina, il cacao, le spezie, le uvette strizzate, il vin santo, gli albumi e infine il lievito.
Azionate la planetaria oppure impastate il tutto fino a che il composto sarà sufficientemente compatto, trasferitelo su una spianatoia infarinata e lavoratelo con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo e abbastanza consistente. Formate un panetto e dividetelo a fette di circa 1 cm di spessore e lungo circa 10 cm. Lavorate il composto fino ad ottenere la classica forma ovale.
Ricoprite una leccarda o una teglia con carta da forno e sistemateci i vostri pan dei morti,  distanziandoli di qualche cm l’uno dall’altro. Cuocere i biscotti in forno preriscaldato a 180° per 20/25 minuti, quindi sfornateli, spolverizzate con zucchero a velo e lasciateli raffreddare.
Io solitamente non resisto e li mangio subito (anche caldi) ma andrebbero serviti solo dopo averli lasciati riposare per almeno due giorni. I sapori si amalgamo e intensificano.

Un consiglio: se adorate il cioccolato potete aumentare la dose del cacao o aggiungere gocce di cioccolato nell’impasto.